Dopo mesi molto difficili, in Italia come nel resto del mondo a causa del  Coronavirus SARS-CoV-2 e dalla malattia da esso provocata COVID-19 ha raggiunto numeri più gestibili, ma non bisogna abbassare la guardia perché anche se nel nostro Paese e in Europa la situazione è relativamente sotto controllo, in altri continenti i casi sono ancora in forte aumento e il picco non è stato ancora raggiunto.

Il turismo è naturalmente influenzato dall’emergenza: per mesi le compagnie aeree hanno annullato buona parte dei voli, sono tuttora in vigore limitazioni agli spostamenti, la maggior parte degli hotel sono rimasti chiusi e si stanno adeguando alle nuove misure di sicurezza.

Ad oggi sono pochi i paesi dove ci si può muovere con poche limitazioni:

Malta:
A partire dal 13 novembre 2020, tutti i viaggiatori provenienti dall’Italia dovranno attenersi alle regole della Amber List e presentare un test COVID con esito negativo nelle 72 ore antecedenti l’ingresso a Malta. Tutti gli aggiornamenti e le liste di Paesi sono consultabili al sito https://www.visitmalta.com/en/reopening-airport. All’arrivo a Malta, i viaggiatori saranno soggetti a screening termici. I viaggiatori in arrivo saranno inoltre invitati a compilare un documento con il quale dichiareranno i loro spostamenti nei 30 giorni precedenti. 

Portogallo:
L’ingresso in Portogallo è consentito senza restrizioni ai viaggiatori provenienti da paesi dell’UE, Schengen e paesi terzi approvati (dalle Istituzioni UE e dalle autorità locali).
Dal 31 gennaio incluso i passeggeri di voli provenienti dall’Italia hanno l’obbligo di presentare certificato di test molecolare con esito negativo, effettuato nelle 72 ore precedenti all’imbarco

Spagna:
Dal 23 novembre 2020, chi arriva dall’Italia, dagli altri Paesi UE (ad eccezione della Finlandia) e da una ventina di Paesi extra UE, deve presentare un certificato che attesti di essersi sottoposto a un tampone PCR (non antigenico rapido), risultato negativo, effettuato nelle 72 ore antecedenti l’ingresso nel Paese. 
Prima dell’arrivo in Spagna per via aerea o marittima è necessario anche compilare un “formulario di salute pubblica”, attraverso il sito internet spth.gob.es o la app Spain Travel Health-SPTH, ottenendo un codice QR da presentare (su dispositivo mobile o stampato) al proprio arrivo in Spagna. Per i passeggeri che utilizzano la via marittima, attualmente il formulario può essere presentato solo in formato cartaceo, disponibile a questa pagina del Ministero della Salute: https://www.mscbs.gob.es/profesionales/saludPublica/sanidadExterior/ControlHS.htm

   +39 377.1842413
   info@semparinzir.it
   Gira il mondo Gira (Sempar in Zir)
   Sempar in Zir

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *