Cosa vedere a: Helsinki

La capitale finlandese ha una vita sociale straordinaria: nonostante il freddo estremo di alcuni mesi dell’anno, gli abitanti passano molto tempo fuori casa. Amano incontrarsi nei bistrot, visitare musei, frequentare le saune pubbliche, passeggiare nel distretto del design.

Cosa vedere in pochi giorni:

  1. Piazza del Senato (Senaatontori), è tutta merito dell’architetto Carl Ludvig Enge. La statua dello Zar Alessandro II al centro che racconta il travagliato rapporto che la Finlandia ha da sempre con la vicina Russia. Il palazzo più bello della piazza è la Sederholm House, la casa più antica di Helsinki che ospita il Museo della Città di Helsinki.
  2. Cattedrale di Helsinki (Tuomiokirkko), è l’edificio più importante e uno dei simboli di Helsinki. Progettata da Carl Ludvig Engel, è anche chiamata Cattedrale di San Nicola o Grande Cattedrale.
  3. Fortezza di Suomenlinna, Le pietre di questo castello hanno difeso prima le sorti della Russia, poi quelle della Svezia e infine quelle della Finlandia. Oggi ospita 6 musei, ristoranti, botteghe artigianali, laboratori e spazi culturali e anche le case di 800 fortunati abitanti. Costruita nel 1748 quando la Finlandia apparteneva alla Svezia, è passata di proprietà più volte, seguendo le sorti del paese: è stata russa, bombardata dagli inglesi, trasformata in campo di prigionia. Oggi è protetta dall’UNESCO come esempio unico di architettura militare europea del 1700.
  4. Chiesa nella Roccia (Temppeliaukio), scavata interamente nella roccia si trova nel cuore di Helsinki, costruita nel 1969 scavando dentro una collina di granito, la pietra con cui è realizzato l’altare è un blocco con una fessura risalente all’era glaciale. L’acustica della chiesa è eccellente, quindi non è raro trovare concerti di musica classica.
  5. Cappella del Silenzio, si trova nel cuore di Helsinki nella zona più affollata e rumorosa. E’ una cappella in legno costruita nel 2012 quando la città è stata “Capitale del Design”. Si entra, ci si siede, e ci si riprende un po’ dai ritmi frenetici standosene tranquilli in un posto straordinariamente silenzioso.
  6. Piazza del Mercato (Kauppatori), Il mercato è attivo praticamente tutto l’anno e permette di scoprire prodotti tipici, alimenti, souvenir artigianali, pelli di renne, funghi, bacche artiche e una serie innumerevole di altre specialità locali. All’ora di pranzo è ideale per uno spuntino veloce, ci sono numerosi venditori che servono pesce appena pescato, il tipico salmone, ma anche bancarelle in cui i protagonisti sono i dolci ed il caffè.
  7. Cattedrale Ortodossa (Uspeski), è dedicata alla “dormizione” di Maria (Uspenski significa dormizione). Progettata da un architetto russo ispirandosi alla Chiesa dell’Ascensione di Kolomenskojefu, fu completata nel 1861.
  8. Bibblioteca Oodi, biblioteca in cui si legge, si cuce, si gioca ai videogiochi, si portano i neonati, si cucina, si suona… Che i Paesi del Nord Europa siano più avanti quanto a politiche green e sociali è cosa nota. Quando però lo si tocca concretamente con mano, semplicemente andando a visitare una biblioteca, si rimane comunque sempre stupiti. Inaugurata nel dicembre 2018.
Per info:
+39 377.1842413
info@semparinzir.it
Gira il mondo Gira (Sempar in Zir)

Cosa vedere a: Tallin

Tallin è la capitale dell’Estonia, che si affaccia sul Mar Baltico. Centro culturale del Paese, è caratterizzata da un nucleo storico fortificato con stradine di ciottoli, al cui interno si trovano caffè e negozi. Qui sorge anche la torre difensiva, Kiek in de Kök, del XV secolo. Il municipio gotico, costruito nel XIII secolo e affiancato da una torre di 64 m, si affaccia sulla storica piazza centrale di Tallin. La chiesa di San Nicola, del XIII secolo, è uno dei monumenti principali, dove sono esposti vari oggetti di arte religiosa.

  1. Il municipio di Tallin. Raedoka nella piazza Raekoja Plats, unico palazzo in stile gotico del Nord Europa costruito nel 1248.
  2. La Città Vecchia con il municipio, la chiesa dello Spirito Santo del XIV secolo che ospita la campana più antica dell’Estonia datata 1433, circondata da 2 km di mura con 16 delle 46 torri.
  3. Il Kadriorg. Palazzo con un magnifico parco donato dallo Zar Pietro il Grande alla moglie Caterina. Oggi ospita due musei, quello di arte straniera e il Kumu, Museo di arte nazionale.
  4. Basilica di San Nicola. Dedicata a san Nicola di Bari, in stile ortodosso, oggi è un museo di arte religiosa. Tra le sue opere raccoglie la “Danza macabra” di Bernt Notke, uno dei capolavori dell’arte estone.
  5. La Chiesa Ortodossa di Tallin. Costruita dai russi sulla collina di Toompea e domina Tallin, proprio sul luogo dove si trovava la statua di Martin Lutero.
  6. Via Vene e Pikk.  Sono le strade principali del borgo antico dove si incontrano i palazzi che ospitavano le corporazioni dei mercanti. La Gilda maggiore e quella di S. Olaf, la più antica della città, e l’edificio rinascimentale della Casa delle Teste Nere, che prende il nome dal suo protettore San Maurizio, moro convertitosi al cristianesimo e per questo perseguitato. Al numero 71 c’è l’edificio più bello, un complesso gotico conosciuto come le Tre Sorelle.Da non perdere anche la chiesa di San Olav, all’incrocio con la via Lai. L’altra strada più famosa è la via Vene, con il passaggio di Santa Caterina, una piccola strada ad arcate fiancheggiata da antichi edifici e botteghe artigianali.
  7. Collina di Toompea. Si raggiunge da due strade la Pikk Jalg (gamba lunga) e la Luike Jalg (gamba corta). Si può visitare quel che resta del Castello, la Cattedrale Ortodossa Alexander Nevsky e la Toomkirik, la chiesa più antica dell’Estonia che dà il nome alla collina. Da sempre centro politico del paese baltico, oggi la collina ospita il palazzo del Parlamento e del Governo.
  8. Torri di difesa. Delle mura (quasi intatte) che difendevano Tallinn in secoli molto più pericolosi del nostro, sono rimaste una ventina di torri, quasi tutte adibite a ristoranti, hotel, musei e altre destinazioni. Le due più famose sono “Margherita la Grassa” (Paks Margareeta) e la “Sbircia in cucina” (Kiek in de kök).
Per info:
+39 377.1842413
info@semparinzir.it
Gira il mondo Gira (Sempar in Zir)

Capitali Baltiche

Dopo diversi anni si torna nel grande Nord. Tallin, antica città della Lega Anseatica con il suo antico borgo fortificato medievale perfettamente conservato e Helsinki, città che è un immenso museo di architettura, metropoli a misura d’uomo, mai caotica. Da sempre contesa da svedesi e russi, circondata da una natura spettacolare.
Per me è motivo di visita a mio figlio oramai cittadino finlandese, vive ad Helsinki da 7 anni, città in cui ha studiato e trovato la sua dimensione sposando una splendida fanciulla finlandese. Tralasciamo gli affetti personali e andiamo a descrivere quello che potrebbe essere un viaggio tra Tallin e Helsinki, ovviamente fatte salve restrizioni dei vari paesi.

Una bozza di programma potrebbe essere questa:
Durata del viaggio: 10-15 ottobre 2020 (5 notti)
Volo Ryanair Bergamo-Tallin a/r
10/10/20 ore 17:30 volo per Tallin arrivo 21:30
10/10/20 pernottamento a Tallin
11/10/20 giornata libera a Tallin
12/10/20 giornata libera a Tallin
13/10/20 ore 07:30 traghetto per Helsinki arrivo 09:30
13/10/20 giornata libera a Helsinki
14/10/20 giornata libera a Helsinki
14/10/20 ore 20:30 traghetto per Tallin (pernottamento cabine traghetto)
15/10/20 giornata libera a Tallin
15/10/20 ore 21:30 volo per Bergamo arrivo 23:30

Al momento: 03/08/20 il costo stimato del viaggio è €340 per persona in camera doppia e comprende:
a. volo Bergamo-Tallin a/r
b. bagaglio 10kg + borsa o zainetto
c. 3 notti a Tallin con colazione
d. traghetto Tallin-Helsinki
e. 1 notte a Helsinki con colazione
f. traghetto Helsinki-Tallin con pernottamento a bordo (cabine doppie)

Tutto il resto è escluso.

Per info:
+39 377.1842413
info@semparinzir.it
Gira il mondo Gira (Sempar in Zir)

Therme Balotesti… due giorni di relax!

Non conto più le volte in cui sono stato in queste terme, di certo è che chi ci va, poi torna. Quindi i Sempar in Zir saranno il 25 e 26 novembre prossimi in quel di Bucarest.
Il volo da Bologna consente di sfruttare completamente le due giornate.
25/11/20 ore 7:30 partenza da Bologna con arrivo a Bucarest alle 10:35.
25/11/20 pomeriggio/sera alle terme.
25/11/20 pernottamento e colazione hotel 4*
26/11/20 mattino e primo pomeriggio alle terme.
26/11/20 ore 18:45 partenza da Bucarest con arrivo a Bologna alle 19:55
L’hotel si trova a 300 metri da aeroporto e 2,5 km da terme.
Due giornate intere alle terme.
Al momento: 25/06 il costo del volo + hotel + colazione è di €102 per persona in doppia.
Seguiteci anche sul gruppo Facebook “Gira il mondo Gira (Sempar in Zir)”

Per info:
+39 377.1842413
info@semparinzir.it
Gira il mondo Gira (Sempar in Zir)

Calendario apertura voli Ryanair da Bologna

L’allentamento delle restrizioni in merito alla pandemia Covid-19 permette alle compagnie aeree di riprendere il volo.
E’ bene assicurarsi delle eventuali restrizioni vigenti nel paese su cui stiamo prenotando il volo per evitare spiacevoli disguidi.
Ryanair riapre i voli da Bologna con il seguente calendario:

Giugno 2020:
24 – Bruxelles, Alghero, Catania.
25 – Cagliari, Trapani.
26 – Brindisi, Lamezia, Madrid.
27 – Stoccarda, Bari, Barcellona, Valencia.
28 – Palermo, Ibiza.

Luglio 2020:
01 – Parigi, Dublino, Tel Aviv, Faro, Bristol, Londra, Manchester, Malaga.
02 – Rodi, Eindhoven, Gran Canaria, Lanzarote.
03 – Colonia, Salonicco, Edimburgo, Palma.
04 – Cefalonia, Corfu, Heraklion, Kos, Mikonos, Varsavia, Lisbona, Alicante, Fuerteventura, Tenerife.
05 – Atene
06 – Zacinto, Lviv, Odessa.
07 – Kyiv.
18 – Malta.
19 – Bucarest.

Agosto 2020:
01 – Kutaisi, Cracovia.
02 – Copenaghen.
03 – Podgorica.

Settembre 2020:
13 – Crotone.

Ottobre 2020:
25 – Vienna, Berlino, Breslavia, Praga.
26 – Bratislava, Santander.
27 – Marsiglia, Amman, Kaunas, Katowice, Siviglia.
28 – Porto.

Novembre 2020:
02 – Bordeaux.

Per info:
+39 377.1842413
info@semparinzir.it
Gira il mondo Gira (Sempar in Zir)

A Passo Lento…

Qualcosa si sta muovendo nell’apertura delle frontiere, per questo non vogliamo farci trovare impreparati. Nella speranza che tutto vada per il meglio, propongo quello che sarà il mio cammino di circa 90 km da Santiago a Finisterre. La partenza approssimativamente intorno al 20 settembre per 8 giorni così suddivisi:

1° giorno – Volo Bergamo-Santiago, pernottamento in hotel.
2° giorno – Cammino da Santiago a Negreira, circa 20 km, pernottamento in albergue.
3° giorno – Cammino da Negreira a Santa Marina, circa 20 km, pernottamento in albergue.
4° giorno – Cammino da Santa Marina a Hospital, circa 20 km, pernottamento in albergue.
5° giorno – Cammino da Hospital a Corcubion, circa 16 km, pernottamento in albergue.
6° giorno – Cammino da Corcubion a Finisterre, circa 14 km, pernottamento in albergue.
7° giorno – Ritorno a Santiago con autobus e pernottamento in hotel.
8° giorno – Volo Santiago-Bergamo

Anche se sono pochi chilometri, occorre comunque essere armati di buona volontà, spirito di sacrificio, spirito di adattamento, un paio di scarpe buone e uno zaino con tutto quello che ci sta dentro, consiglio 7/8 kg max.
Si  partirà al mattino presto intorno alle 7:30, si camminerà con qualsiasi tempo, sole, pioggia o vento, ci si ferma quando si arriva alla meta prefissata per la giornata.
L’andatura normalmente si fissa intorno ai 4 km/h, è una camminata normale. 
Ognuno deve essere libero di mantenere il passo che meglio si addice al proprio fisico, ci si ritroverà nel posto scelto come tappa.
Mi preoccuperò di organizzare preventivamente il volo di andata e ritorno e le notti (prima e ultima) in hotel a Santiago. Per gli albergue si organizza giorno per giorno.
Gli albergue per pellegrini sono una specie di ostello, si possono trovare camere con 2/4/10/20/50 letti a castello, non c’è distinzione tra maschi e femmine. Di solito viene dato un lenzuolo e una federa usa e getta sulla quale mettere il sacco a pelo. Ci sono albergue donativi (si fa un’offerta), albergue comunali (costo 6/12€) e gli albergue privati (costo 10/15€). Gli albergue donativi e comunali di solito non sono prenotabili, chi prima arriva trova posto, quelli privati si possono prenotare.
Lungo tutto il percorso, tutti i ristoranti hanno il cosiddetto “menù del pellegrino” con 10/12€ si ha un primo, un secondo, un contorno, un dolce, acqua e vino, di solito le porzioni sono abbondanti.
Al momento: 25/06, il costo del volo + 2 notti a Santiago è di €144 a cui vanno aggiunti i 5 giorni di cammino.
Allego un po di foto del mio cammino del 2015, Saint Jean Pied de Port – Santiago, 800 km.

Per info:
+39 377.1842413
info@semparinzir.it
Gira il mondo Gira (Sempar in Zir)

Regole ufficiali per viaggiare dal 18 maggio al 31 luglio

Il decreto varato è valido dal 18 maggio al 31luglio 2020. Per agosto e settembre saranno pubblicati nuovi provvedimenti in funzione a come evolverà la situazione Covid-19.
Dal 18 maggio gli spostamenti sono liberi e senza obbligo di autocertificazione all’interno della propria regione, anche per motivi di turismo, fatta eccezione per quelle aree dove si verifica un aggravamento della situazione epidemiologica.
Dal 3 giugno possono ripartire gli spostamenti liberi su tutto il territorio nazionale e senza obbligo di autocertificazione, anche per motivi di turismo. Salvo limitazioni per eventuali zone a rischio, dal 3 giugno ci si potrà muovere liberamente su tutto il territorio nazionale, anche per raggiungere hotel, b&b, resort e altri tipi di strutture. Comuni e Regioni potranno stabilire ulteriori regole per gli spostamenti in base all’evolversi della situazione. Significa che prima di prenotare un soggiorno in un’altra regione o prima di partire sarà importante andar a verificare la presenza di eventuali disposizioni.
Per l’estero l’Italia ha deciso di riaprire i propri confini nazionali a partire dal 3 giugno. Questo NON significa che sarà possibile viaggiare liberamente al di fuori dell’Italia, dipenderà da quali paesi decideranno di aprire i propri confini nei confronti degli italiani. Il sito per verificare tutte le info ufficiali resta sempre il Sito Ufficiale della Farnesina.

Fonti:
Decreto Legge 16 Maggio 2020 (n.33) – Art. 1 (Spostamenti su territorio regionale e nazionale)
– D.P.C.M. 17 Maggio 2020 – Art. 4 (Disposizioni in materia di ingresso in Italia), Art. 5 e Art. 6 (Transiti e soggiorni di breve durata in Italia), Art. 7 (Disposizioni in materia di navi da crociera e navi di bandiera estera), Allegato 14 (Protocollo condiviso di regolamentazione per il contenimento della diffusione del COVID-19 nel settore del trasporto e della logistica), Allegato 16 (Misure igienico-sanitarie), Allegato 17 (Linee guida per la riapertura delle attività’ economiche e produttive della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome del 16 maggio 2020)
– Decreto Legge 19 Maggio 2020 (n.34) – Art. 176 (Bonus Vacanze)

Per info:
+39 377.1842413
info@semparinzir.it
Gira il mondo Gira (Sempar in Zir)

Sempar in Zir 2021 – Viaggi del dopo Covid-19

Mi piace pensare che presto sarà solo un brutto ricordo, mi piace pensare che torneremo a viaggiare, mi piace sognare viaggi in posti meravigliosi.
Intanto sogniamo poi vediamo come finisce questa brutta storia. Ogni nostro viaggio nasce con la collaborazione di tutti noi, questo il motivo di questo sondaggio, quasi un gioco, importante però per capire su cosa indirizzare le ricerche per un eventuale futuro viaggio. Si tratta di viaggi che vanno dai 10 ai 15 giorni di durata. Quindi a voi la parola……

Il risultato non è vincolante ma serve ad avere una indicazione di massima. 
Se avete proposte che non sono in questa lista comunicatele e se fattibili verranno messe al voto.

Per info:
+39 377.1842413
info@semparinzir.it
Gira il mondo Gira (Sempar in Zir)

New York e la Florida

L’occasione per questo viaggio è stata la visita a mia figlia Virginia che in quel tempo lavorava per la Disney all’Epcot Center di Orlando, era il febbraio 2018.
Confesso che l’idea di visitare prima New York mi rendeva euforico e nello stesso tempo mi procurava un pochino di soggezione, non sapevo cosa aspettarmi. Sono bastati pochi attimi per rendermi conto che alla fine è una città come altre, solo più alta.
L’hotel scelto, il Pennsylvania, non è il massimo perché un po vecchiotto però di positivo è in una posizione fantastica nel cuore di Manhattan a 10 minuti a piedi da Time Square, siamo nel cuore pulsante di New York e in perfetto standard per i Sempar in Zir.
Girare per New York sembra di trovarsi dentro un film, ogni angolo che giri ti sembra di averlo visto in qualche telefilm ed in effetti forse è proprio così. Sicuramente tornerò in questa città.

Dopo quattro giorni a New York si vola verso Orlando, nel cuore della Florida. In tre ore di volo si passa dal freddo di New York (4/5°) ai 30 gradi della Florida, via i giubbotti e indossate t-shirt e bermuda.
La doverosa visita a mia figlia nel suo incantevole posto di lavoro, come poi tutti i parchi Disney è qualcosa che lascia allibiti, noi abituati a Mirabilandia o Gardaland, trovarsi qua è qualcosa di incredibile come incredibile è la tecnologia che alimenta questi parchi. Gli americani saranno quello che saranno ma le cose le fanno in grande. C’è anche da dire che i costi per accedere a questi parchi non sono cosa da tutti, basti pensare che il solo ingresso giornaliero costa mediamente intorno ai 100 dollari, il parcheggio 25 dollari e non parliamo dei ristoranti all’interno e dulcis in fundo gli hotel all’interno dei parchi, beh, quella è proprio roba da ricchi. Noi eravamo “guest”, ospiti non paganti, così abbiamo avuto la possibilità di visitare Epcot, Animal Kingdom, Hollywood Studios e Disney Spring. Oltre all’alta tecnologia delle attrazioni dei parchi, la prima cosa che mi ha colpito è la modalità di ingresso ai parchi. Io e Cinzia avevamo a disposizione i pass guest di Virginia quindi lei entrava all’ingresso con impronta digitale e successivamente noi coi nostri pass associati a quella impronta. Per un tecnologico come me è tutto dire. Tralascio la descrizione delle attrazioni, sono da vedere. 

Mi sarebbe piaciuto visitare lo Speedway di Daytona, il mio passato di motociclista mi riporta alla mente favolose gare, negli anni 70 già si raggiungevano gli oltre 300 km orari di velocità con le 500 da gran premio di allora, ne sa qualcosa il mitico Barry Sheene che ho avuto la fortuna e il piacere di conoscere ad Imola, caduto a quella velocità fratturandosi tutto quello che c’era da rompersi (credo fossero 28 le fratture riportate). Perdonate la parentesi motociclistica e invece destinazione Space Center Kennedy a Cape Canaveral……..

E’ tempo di raggiungere gli amici a Miami, tre ore di auto da Orlando a Miami, strade perfettamente diritte attraversando parte della Florida che non so se sapete ma è famosa per la produzione di arance, io però non ho visto nemmeno un aranceto…..mah!
Che dire di Miami, sono stato pochi giorni però Matteo e Virginia ci hanno fatto visitare, diciamo anche la Miami dietro le quinte, quella che non è solo lusso, ville miliardarie, grosse auto e vita godereccia. Non ho mai visto un numero così elevato di barboni come a Miami e la cosa è deprimente. Normalmente chi visita Miami vede solo la parte bella, il nostro hotel “Collins” è nella zona più in della città, praticamente sul mare, lo consiglio vivamente anche se personalmente non penso di tornare in questa città.

Per info:
+39 377.1842413
info@semparinzir.it
Gira il mondo Gira (Sempar in Zir)